Dall'ebook Eric e Janar un ebook dei bambini

Desidero raccontarvi una bellissima esperienza svolta dall'autore e dall'illustratrice di Eric e Janar con otto classi di scuole primarie baresi (facenti parte dell'Istituto comprensivo Perone Levi e del Circolo didattico Duca d'Aosta).

Ma partiamo dal libro, ovvero dall'ebook. Eric e Janar racconta la storia di due "cuccioli": Eric è un bambino, Janar è invece un drago. Eric e Janar  vivono in un mondo dove uomini e draghi sono acerrimi nemici e si combattono senza tregua. Il papà di Eric è un cacciatore di draghi e il papà di Janar dà la caccia agli uomini. Non si sa chi ha cominciato questa battaglia, che è parte integrante della loro vita.
Il piccolo Eric dunque cresce pensando che un giorno combatterà i draghi, finchè arriva il momento in cui conosce il piccolo Janar e scopre che si può anche essere amici. Il libro finisce con un finale aperto.

Gli autori, Francesco Urbano e Liliana Carone, autore e illustratrice, hanno incontrato i ragazzi durante l'anno scolastico, hanno discusso insieme della storia e delle immagini, dopodichè hanno predisposto la continuazione del racconto: i nostri due sono nascosti per sfuggire alla rabbia sia degli uomini che dei draghi che non accettano la loro amicizia, ed è qui che Eric scopre che Janar ha in custodia l'oggetto più prezioso che un drago possa custodire: l'uovo dei destini. Non un uovo che predice il destino, poichè il destino non si può prevedere in quanto ognuno di noi costruisce il suo, ma i "possibili" destini che scaturiranno dalle nostre azioni. Beh, a questo punto la parola è passata ai ragazzi, ognuna delle classi ha ideato e illustrato la sua storia-destino! E queste storie, nove storie (perchè i ragazzi della VC del Duca d'Aosta si sono divisi fra maschi e femmine in quanto non riuscivano a trovare un accordo sul destino di Eric e Janar) sono state raccolte da Francesco Urbano in un ebook, scaricabile gratuitamente dal sito di Eric e Janar

Questo ebook è stato presentato ai ragazzi lo scorso 15 maggio presso l'auditorium della bella Biblioteca Nazionale di Bari, la Sagarriga Visconti Volpi. I bambini hanno apprezzato moltissimo anche il gioco ideato da Francesco per "selezionare" attraverso domande su Eric e Janar i 16 concorrenti (a loro volta selezionati tramite un randomizzatore) i due bambini che avrebbero estratto i due "destini" da leggere insieme. E altettanto bello è stato lo spettacolo del gruppo teatrale a Sud di Macondo, nel corso del quale si sono incontrati un ragazzo del 18° secolo ed una ragazza della fine del 21°, entrambi alle prese con la lettura di Robinson Crusoe, il primo sulla prima edizione fresca di stampa, la seconda su ipad. I due ragazzi, superate le prime difficoltà, hanno scoperto quanto fosse importante non il supporto, il contenitore insomma!, ma il contenuto. Riassumendo quello che noi grandi avevamo già raccontato ai bambini, spiegando loro che quel che è importante è la qualità della storia e delle immagini.

Cliccando qui si potrà vedere il servizio fotografico completo sull'incontro!

E' importante che le scuole guidino i ragazzi nel mondo del digitale, che sappiano e vogliano farlo, perchè se i ragazzi si troveranno solo probabilmente non sapranno scegliere, ed è un rischio che non possiamo correre. E' nostro dovere di adulti guidarli, orientarli. Così come facciamo per le letture, per i programmi televisivi, per le scelte dei video giochi. Aiutiamoli a conoscere, ad acquisire gli strumenti per scegliere... anche se questo può sembrare un po' faticoso per tanti "grandi" che non si sentono a loro agio con i libri che non profumano di carta.

Comunque, per festeggiare un anno dall'uscita dell'ebook Eric e Janar si è deciso di rendere fruibili per tutti le attività disponibili sul mini sito cui finora aveva accesso solo chi acquistava l'ebook.

Ecco il link per giocare e creare con Eric e Janar: http://www.francescourbano.it/eric-e-janar/divertiti.html

Beh, naturalmente se si conosce la storia è più divertente giocare e colorare e soprattutto ha più senso rispondere alle domande!

Temi: